Seguici su

Centri per l'impiego di Ravenna

INFORMATIVA per il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art 13 del Regolamento europeo n. 679/2016 per il servizio "Newsletter"

a) Premessa
Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo n. 679/2016 (c.d. GDPR), l’Agenzia Regionale per il lavoro dell’Emilia-Romagna (di seguito ARL), in qualità di “Titolare” del trattamento, è tenuta a fornirle informazioni in merito all’utilizzo dei suoi dati personali.


b) Identità e dati di contatto del titolare del trattamento
Il Titolare del trattamento dei dati personali di cui alla presente Informativa è l’ARL, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro n. 38, cap. 40127.
Il rappresentante legale dell’agenzia è il direttore. Attualmente il ruolo di direttore è ricoperto dalla dott.ssa Paola Cicognani. I dati di contatto sono: PEC: arlavoro@postacert.emilia-romagna.it
Inoltre, al fine di semplificare le modalità di inoltro e ridurre i tempi per il riscontro di eventuali richieste di cui al paragrafo I), si segnala inoltre che l’ARL è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 in Viale Aldo Moro 38, 40127 Bologna (Italia) e i contatti dell’Agenzia sono:
telefono 051527.3864 oppure 051527.3864.3893, fax 051-527.3894,
e-mail arlavoro@regione.emilia-romagna.it.


c) Il Responsabile della protezione dei dati personali – Data protection officer (DPO)
Il Responsabile della protezione dei dati designato dall’ARL è contattabile ai seguenti recapiti: mail: dpo@regione.emilia-romagna.it PEC: dpo@postacert.regione-emilia.it o presso la sede della Regione Emilia-Romagna di Viale Aldo Moro n. 30, 40127 Bologna (Italia).


d) Responsabili del trattamento
L’ARL può avvalersi di soggetti terzi per l’espletamento di attività e relativi trattamenti di dati personali di cui manteniamo la titolarità. Conformemente a quanto stabilito dalla normativa, tali soggetti assicurano livelli esperienza, capacità e affidabilità tali da garantire il rispetto delle vigenti disposizioni in materia di trattamento, ivi compreso il profilo della sicurezza dei dati.
L’ARL formalizza istruzioni, compiti ed oneri in capo a tali soggetti terzi con la designazione degli stessi a "Responsabili del trattamento", inoltre sottopone tali soggetti a verifiche periodiche al fine di constatare il mantenimento dei livelli di garanzia registrati in occasione dell’affidamento dell’incarico iniziale.

e) Soggetti autorizzati al trattamento
I Suoi dati personali sono trattati da personale interno previamente autorizzato, a cui sono impartite idonee istruzioni in ordine a misure, accorgimenti, modus operandi, tutti volti alla concreta tutela dei suoi dati personali.


f) Finalità e base giuridica del trattamento

Il trattamento dei suoi dati personali viene effettuato dall'Agenzia regionale per il lavoro Emilia-Romagna per lo svolgimento di funzioni istituzionali e, pertanto, ai sensi dell'art. 6 comma 1 lett. e) del Regolamento europeo n. 679/2016 non necessita del suo consenso. I dati personali sono trattati per le seguenti finalità: invio della Newsletter.

Per garantire l'efficienza del servizio, la informiamo inoltre che i dati potrebbero essere utilizzati per effettuare prove tecniche e/o verificare il grado di soddisfazione degli utenti sui servizi offerti.

g) Destinatari dei dati personali
L’accesso ai Suoi dati personali da parte delle strutture e dei dipendenti dell’ARL avviene esclusivamente per fini istituzionali ed in linea con le previsioni legislative e regolamentari di riferimento in materia di lavoro, previdenza, assistenza e obblighi fiscali, e tutto ciò che concerne i servizi di politica attiva del lavoro. Nell’ambito dei fini istituzionali, i dati possono essere comunicati a soggetti per cui la comunicazione è prevista obbligatoriamente da disposizioni comunitarie, norme di legge o regolamento o contratto, inoltre possono essere comunicati a:

  • Enti del Sistema delle amministrazioni regionali come definiti dall’art. 3 bis L.R. 43/2001 e ss.mm.ii (per varie prestazioni connesse alla gestione della carriera lavorativa);
  • INPS (per prestazioni connesse ai trattamento economici);
  • ANPAL (per attività legate alle gestione delle politiche attive del lavoro a livello nazionale);
  • Soggetti pubblici e privati ai quali, ai sensi delle leggi regionali/provinciali, vengono affidati servizi di politica attiva del lavoro (le comunicazioni contengono dati sensibili soltanto nel caso in cui tali servizi siano rivolti a particolari categorie di lavoratori, ad es. disabili);
  • Soggetti privati ai quali l’Ente affida dei servizi di propria competenza in out-sourcing che sono a loro volta nominati responsabili del trattamento;
  • Soggetti pubblici e privati per l’espletamento delle procedure in materia politiche attive del lavoro come per esempio Imprese interessate a coprire posti vacanti.
    Inoltre, si specifica che la comunicazione e la diffusione dei dati di natura non sensibile o giudiziaria da parte dell’ARL è permessa quando:
  • siano previste da norme di legge, di regolamento o dalla normativa comunitaria;
  • siano necessarie per finalità di ricerca statistica e si tratti di dati anonimi o aggregati;
  • siano richieste per finalità di difesa o di sicurezza dello Stato o di prevenzione, accertamento o repressione di reati, con l’osservanza delle norme che regolano la materia (si veda a tal proposito il Codice Penale e il Codice di Procedura Penale);
  • siano necessarie per il soddisfacimento di richieste di accesso ai documenti amministrativi, accesso civico o accesso civico generalizzato.

h) Trasferimento dei dati personali a Paesi extra UE
I suoi dati personali non sono trasferiti al di fuori dell’Unione europea.

i) Periodo di conservazione
L’attribuzione alle diverse tipologie documentarie analogiche e digitali dei differenti tempi di conservazione risponde a distinti obblighi di conservazione fiscale, amministrativa, tributaria o a interessi storico-culturali.
A titolo riassuntivo si segnala che i tempi di conservazione della documentazione dell’ARL si rifanno ai seguenti principi orientativi: un periodo non superiore a quello necessario per il perseguimento delle finalità sopra menzionate. A tal fine, anche mediante controlli periodici, viene verificata la stretta pertinenza, non eccedenza e indispensabilità dei dati rispetto al rapporto, alla prestazione o all’incarico in corso, da instaurare o cessati, anche con riferimento ai dati che Lei fornisce di propria iniziativa. I dati che, anche a seguito delle verifiche, risultano eccedenti o non pertinenti o non indispensabili non sono utilizzati, salvo che per l’eventuale conservazione, a norma di legge, dell’atto o del documento che li contiene.

j) I suoi diritti
Nella sua qualità di interessato, Lei ha diritto:
• di accesso ai dati personali;
• di ottenere la rettifica o la cancellazione degli stessi (c.d. oblio) o la limitazione del trattamento che lo riguardano;
• di opporsi al trattamento;
• di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali
• diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento
basata sul consenso prestato prima della revoca
Inoltre, essendo il trattamento posto in essere dal titolare necessario per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare, non è esercitabile il diritto alla portabilità, ex art. 6 co. 1 lettera f GDPR.

k) Conferimento dei dati
Il conferimento dei Suoi dati è facoltativo ma necessario per le finalità sopra indicate. Il mancato conferimento comporterà l'impossibilità di inviarle la Newsletter.

l) Cancellazione dal servizio
Per non ricevere più la newsletter scrivere una e-mail alla redazione del sito web.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/21 09:58:00 GMT+1 ultima modifica 2019-05-29T11:28:54+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina