Seguici su

Centri per l'impiego di Forlì-Cesena

Contratti di lavoro

Conoscere le caratteristiche dei contratti di lavoro è fondamentale per poter valutare correttamente eventuali proposte lavorative e per conoscere i diritti e doveri previsti dalla normativa

Di seguito le principali tipologie di contratti di lavoro previsti dal nostro ordinamento - link da cliclavoro

 

Contratto a tempo indeterminato

Il contratto a tempo indeterminato è la forma comune di rapporto di lavoro. Si tratta di un contratto di tipo dipendente che non ha scadenza. Le recenti novità normative legate al Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n.23 hanno portato alla definizione di contratto a tutele crescenti, in riferimento alla nuova disciplina legata ai licenziamenti illegittimi.

 

Contratto a tempo determinato

Il contratto a tempo determinato è un contratto di lavoro subordinato, nel quale è prevista una durata predeterminata, attraverso l’indicazione di un termine. L’apposizione del termine, a pena di nullità, deve risultare dall’atto scritto, fatta eccezione per i rapporti di lavoro di durata non superiore a dodici giorni. Per saperne di più

 

Apprendistato

L'apprendistato è un contratto di lavoro a contenuto formativo che per definizione è considerato un contratto di lavoro a tempo indeterminato. E' rivolto ai ragazzi di età compresa fra i 15 e i 29 anni anche se per le regioni e le province autonome che abbiano definito un sistema di alternanza scuola-lavoro, la contrattazione collettiva può definire specifiche modalità di utilizzo di tale contratto, anche a tempo determinato, per le attività stagionali. Vai alla sezione dedicata

 

Contratto di Somministrazione lavoro

Si tratta del contratto stipulato tramite Agenzia per il lavoro private autorizzate dal Ministero del lavoro (consulta l'Albo della Agenzie). Una impresa (utilizzatrice) può richiedere ad un'Agenzia (somministratore) la prestazione lavorrativa di uno o più lavoratori/trici. Per saperne di più

 

Contratto a tempo parziale (Part time)

Il contratto part time non si configura come un diverso contratto di lavoro (si tratta sempre di un contratto di lavoro dipendente) ma si caratterizza nel suo svolgimento secondo un particolare regime di orario di lavoro. Per saperne di più

 

Contratto intermittente (a chiamata)

E' un contratto di lavoro dipendente che un'azienda può stipulare in alcune casistiche e con alcuni destinatari, per ottenere prestazioni lavorative in orari e/o giorni che non sono stati precedentemente prestabiliti. Per saperne di più

 

Lavoro a Progetto

Si tratta di un contratto di lavoro c.d. "parasubordinato" vale a dire che presenta alcune caratteristiche di un contratto dipendente ma anche altre tipiche del lavoro autonomo. A partire dal 1° gennaio 2016, le collaborazioni di tipo parasubordinato o nella forma del lavoro autonomo sono considerate come lavoro subordinato, qualora si concretizzino in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative ed organizzate dal committente rispetto al luogo ed all’orario di lavoro. Per saperne di più

 

Prestazioni occasionali - Libretto di Famiglia

Quando l’attività lavorativa è occasionale, saltuaria o di ridotta entità si parla di prestazioni occasionali. La loro disciplina è contenuta nell’articolo 54-bis del decreto-legge n. 50/2017, convertito dalla legge n. 96/2017. Si suddividono in prestazioni occasionali e Libretto di famiglia. Queste prestazioni non influiscono sullo stato di disoccupazione e sono cumulabili con l'erogazione della NASPI. Per saperne di più

 

Collaborazione occasionale con ritenuta d'acconto

Si tratta di un contratto di lavoro che si realizza attraverso una trattenuta che viene operata dal datore di lavoro nei confronti di un collaboratore o fornitore che rappresenta un anticipo sulle imposte di quest’ultimo. E' prevista dall'art. 2222 del codice civile e rientra nel lavoro autonomo, per cui chi è titolare di rapporti di lavoro occasionali, se risulta iscritto/a come disoccupato, deve darne comunicazione al Centro per l'Impiego competente.

 

Socio lavoratore di cooperativa

Le cooperative di produzione e lavoro utilizzano il lavoro dei laro soci per lo svolgimento della loro attività di impresa. Le società cooperative, per legge, hanno uno scopo mutualistico il che significa che l'obiettivo fondamentale è quello di fornire beni e servizi ai soci secondo gli obiettivi statutari della cooperativa stessa. Per saperne di più

 

Partita Iva

Si intende il lavoro o la prestazione professionale svolto da persone in forma autonoma, dietro corrispettivo e senza alcun vincolo di subordinazione da parte del committente. Si tratta quindi di un regime fiscale. La Legge 22 maggio 2017 n. 81 è intervenuta per dare un quadro definito di tutele e diritti per questa categoria, da cui sono esclusi gli imprenditori o i piccoli imprenditori ai sensi dell’articolo 2083 c.c. Per saperne di più

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/06 13:30:00 GMT+2 ultima modifica 2019-09-17T10:17:59+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina