Seguici su

Online il report “Indicatori sulla demografia, istruzione e lavoro tra i giovani in Emilia-Romagna”

Il rapporto analizza le dinamiche dei giovani residenti in Emilia-Romagna

Il rapporto si propone di fornire l’analisi di alcuni indicatori che possono consentire di inquadrare meglio le dinamiche – di tipo demografico, sociale ed economico – che stanno caratterizzando le fasce dei cittadini più giovani residenti in Emilia-Romagna, con l’obiettivo di accompagnare dal punto di vista conoscitivo il percorso di attuazione del Patto per il Lavoro e del Patto per il Lavoro Giovani Più.

Il primo capitolo approfondisce la dinamica demografica e i movimenti migratori in entrata e in uscita dalla regione.
I giovani di 15-34 anni residenti in Emilia-Romagna all’inizio del 2019 sono poco più di 856 mila, il 19,2% della popolazione regionale, una quota che si è progressivamente ridotta negli anni (era pari al 27,9% nel 1988, quasi nove punti percentuali in più rispetto ad oggi). Tale contrazione, inoltre, sarebbe risultata molto più significativa senza l’apporto dell’immigrazione dall’estero: ad inizio 2019, tra i giovani 15-34 anni residenti in regione, si contano oltre 170,5 mila stranieri, poco meno di un terzo (30,9%) di tutti gli stranieri residenti in Emilia-Romagna. In termini percentuali rappresentano il 19,9% dei giovani residenti della medesima fascia di età (erano il 15,7% nel 2008), una quota decisamente più elevata di quanto osservato sulla popolazione complessiva (12,1%).

Il secondo capitolo è dedicato al tema dell’istruzione e della formazione, che rappresenta un ambito di grande interesse per il miglioramento continuo dell’ecosistema regionale in chiave di competitività internazionale, per tutti i livelli di istruzione e le classi di età.
I giovani emiliano-romagnoli evidenziano in media dei livelli di scolarizzazione e competenze, che - pur in crescita e spesso al di sopra della media italiana - mostrano su alcuni indicatori un ritardo relativo dalla media europea.

Il terzo capitolo descrive le dinamiche del mercato del lavoro a livello regionale e provinciale e le retribuzioni medie osservate tra i lavoratori dell’Emilia-Romagna.
In Emilia-Romagna, nel 2018, gli occupati di 15-34 anni sono stimati da ISTAT in 428,2 mila persone circa, corrispondenti al 51,0% della popolazione della medesima classe di età e al 21,4% degli occupati complessivi della regione. I giovani in cerca di occupazione nella medesima classe di età sono invece 50,1 mila circa, il 6,0% della popolazione di 15-34 anni. Tra gli inattivi, i giovani di 15-34 anni sono circa 361,9 mila (il 21,3% di tutti gli inattivi stimati a livello regionale), pari al 43,1% della popolazione della medesima classe di età: al loro interno si possono distinguere la componente degli inattivi che non studiano e non cercano lavoro (che rappresentano dunque la parte più consistente di NEET; la restante è rappresentata dai giovani in cerca di occupazione) – pari a circa 82,2 mila (il 9,8% della popolazione di 15-34 anni) - e quella degli altri inattivi, la componente più numerosa (279,8 mila persone, pari al 33,3% della popolazione giovanile), la maggior parte dei quali in età scolastica (di qualunque grado o livello).
Nell’ultimo anno gli occupati regionali di 15-24 anni sono cresciuti dell’1,1% rispetto 2017 (+900 unità circa) e si sono ridotte sensibilmente le persone in cerca di occupazione (-18,9%, -4,7 mila in valore assoluto). Nella classe di 25-34 anni il numero di occupati è cresciuto su base annua del 2,2% (+7,2 mila lavoratori), mentre il numero di persone in cerca di occupazione si è ridotto del 17,2% (-6,3 mila persone).

Il capitolo quattro fornisce un quadro di sintesi delle principali variabili sui giovani di 15-29 anni, classe di età a cui è indirizzato il programma di Garanzia Giovani, il piano europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile.
I giovani di 15-29 anni residenti in Emilia-Romagna sono all’incirca 600 mila, il 13,5% della popolazione regionale (il 15,7% considerando la popolazione di 15 anni ed oltre). Sulla base delle stime della Rilevazione ISTAT delle forze di lavoro, il 45,3% dei giovani 15-29 anni in Emilia-Romagna fa parte della popolazione attiva; tra questi, gli occupati sono 234,6 mila circa mentre i giovani in cerca di occupazione sono 37,3 mila. Tra gli inattivi nella medesima classe di età, che rappresentano il 54,7% della popolazione di 15-29 anni, sono circa 55,5 mila coloro che rientrano anche tra i NEET (nel cui totale rientrano anche i disoccupati), cioè tra coloro che non cercano lavoro e non studiano, mentre la componente più numerosa – quella degli altri inattivi – è composta da oltre 273,2 mila giovani, la maggior parte dei quali inseriti in un percorso scolastico.

Per saperne di più

Il report Indicatori sulla demografia, istruzione e lavoro tra i giovani in Emilia-Romagna – giugno 2019 (pdf, 2.43 MB)

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/07/22 10:49:36 GMT+2 ultima modifica 2019-12-09T12:13:02+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina