Seguici su

Centri per l'impiego di Parma

Acquisizione dello stato di disoccupazione

Ai sensi del D.Lgs 150 del 14/09/2015 (Art. 19) sono considerati disoccupati esclusivamente i lavoratori “privi di impiego" che dichiarino presso un qualsiasi Centro per l'impiego la propria disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa ed alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro.

Lo stato di disoccupazione può essere riconosciuto esclusivamente alle persone che rilasciano la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID). Questi soggetti sono destinatari, in via prioritaria, delle misure di promozione all'inserimento nel mercato del lavoro, previste dallo stesso Decreto. Per iscriversi è necessario avere compiuto sedici anni.

Al fine di definire queste misure e le concrete disponibilità al lavoro, la persona disoccupata deve sottoscrivere presso il Centro per l'impiego un Patto di Servizio personalizzato in cui si inseriscono gli impegni reciproci tra la persona e il Centro per l'Impiego.

Modalità di iscrizione (rilascio DID)

Se si è terminato un lavoro e si hanno i requisiti per richiedere l'indennità di disoccupazione (es. NASPI e DIS-COLL) non ci si deve recare al Centro per l'Impiego per rilasciare la DID. Occorre invece rivolgersi ad un patronato/CAF o effettuare la domanda on line sul sito INPS. La presentazione di domanda di NASPI equivale alla DID. Solo dopo aver presentato domanda di disoccupazione, la persona è tenuta a contattare il Centro per l'Impiego di competenza territoriale rispetto al proprio domicilio ai fini della stipula del Patto di Servizio personalizzato.

Se non si lavora e non si ha diritto ad indennità di disoccupazione, ci si può iscrivere al Centro per l’Impiego come disoccupato utilizzando la procedura online sul portale Lavoro x Te della Regione Emilia-Romagna e prenotando successivamente un appuntamento con il Centro per l'Impiego di riferimento per il domicilio al fine di convalidare la DID rilasciata on line e stipulare il Patto di Servizio personalizzato.

Se si hanno i requisiti per accedere al collocamento mirato (disabili e altre categorie protette) ci si deve presentare presso la sede del Centro per l'Impiego competente per domicilio, con documento di identità, codice fiscale, verbale di invalidità (o documentazione relativa all'appartenenza ad altre categorie). Se ne si fosse già in possesso, anche con la diagnosi funzionale.

Conservazione, sospensione e perdita dello stato di disoccupazione

Lo stato di disoccupazione si conserva (in sospensione di anzianità di disoccupazione) in caso di occupazione con contratti di lavoro a tempo determinato di durata inferiore ai 6 mesi. Con contratti di lavoro di durata superiore o a tempo indeterminato si perde lo stato di disoccupazione (decadenza dallo stato di disoccupazione).

Le persone che invece hanno contratti di lavoro a termine fino a sei mesi, a prescindere dall'ammontare del reddito, avranno lo stato di disoccupazione sospeso come avveniva in precedenza.

La modifica sopra descritta non è intervenuta per gli iscritti ex lege 68/99; infatti per gli iscritti al collocamento mirato l'istituto della conservazione continua ad esistere.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/13 14:49:00 GMT+2 ultima modifica 2019-06-18T12:54:43+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina