Seguici su

Centri per l'impiego di Parma

FAQ EURES

A chi si rivolge EURES?  

  • ai lavoratori occupati e non, di qualsiasi età, quindi anche ai giovani che hanno adempiuto l’obbligo scolastico
  • alle aziende con servizi di informazione, orientamento e assistenza al fine di agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro sul territorio europeo. 

 Occorre pagare per i servizi EURES? 

  • No EURES è un servizio gratuito per chi cerca e offre lavoro  

Quale area geografica è coperta da EURES? 

EURES copre 32 paesi: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Liechtenstein, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Polonia, Regno Unito, Romania, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria. 

Ho la possibilità di contattare direttamente qualcuno dal sito? 

Sì e viene anche data la possibilità per chi cerca lavoro  di contattare helpdesk o entrare in chat con un consulente Eures

Che cos’è il TMS dell’EURES?

• E’ un programma mirato di mobilità (TMS) dell’EURES un’azione che promuove la mobilità professionale, affronta le sfide poste dalla mobilità all’interno dell’UE e sostiene le persone in cerca di occupazione che necessitano di un pacchetto di servizi di sostegno affinché possano riuscire nel loro intento.
• Il programma TMS dell’EURES intende aiutare i cittadini dell’UE che necessitano di un’assistenza su misura per trovare un lavoro, un tirocinio o un apprendistato in un altro paese dell’UE, in Norvegia o in Islanda, e assistere i datori di lavoro a trovare lavoratori motivati e qualificati.
• Grazie al programma TMS dell’EURES le persone in cerca di occupazione possono essere sostenute in maniera da poter affrontare le difficoltà connesse al lavoro all’estero. Il programma TMS dell’EURES può fornire assistenza sotto forma di indennità mirate. Possono essere finanziati corsi di lingua, il riconoscimento delle qualifiche, spese di viaggio e di soggiorno.
• Il programma promuove le condizioni che consentono alle persone in cerca di occupazione e ai lavoratori di esercitare il loro diritto alla libera circolazione in tutta l’UE e contribuisce ad affrontare gli squilibri del mercato del lavoro.

Info: 

https://ec.europa.eu/eures/public/it/targeted-mobility-scheme-js 

https://euresmobility.anpal.gov.it/

Chi può candidarsi a TMS Targeted Mobility Scheme?
• Le persone che desiderano trovare un lavoro, un tirocinio o un apprendistato in uno Stato membro dell’UE, in Islanda o in Norvegia.
• Di almeno 18 anni di età.
• In possesso della cittadinanza di uno Stato membro dell’UE, della Norvegia o dell’Islanda.
• Tutte le persone in cerca di occupazione munite di qualifiche di basso e di alto livello.

Dove puoi trovare un nuovo lavoro, tirocinio o apprendistato con TMS?
• In tutti gli Stati membri dell’UE, in Islanda e in Norvegia.

Perché TMS?
Perché...
• hai voglia di trasferirti in un altro Stato membro dell’UE, in Norvegia o in Islanda per un posto di lavoro, un tirocinio o un apprendistato.
• Desideri cercare assistenza per cogliere una stimolante opportunità per acquisire nuove conoscenze e competenze, imparare nuove lingue, beneficiando di servizi per l’impiego su misura.

Quando puoi iniziare la tua ricerca di un lavoro con TMS?
Fin da ora

Posso partecipare una sola volta a TMS?
No puoi ripartecipare a TMS 2 volte.

Sono previsti indennizzi?
Si per viaggio, alloggio, corso di lingua e riconoscimento delle qualifiche.

I familiari sono considerati?
E’ previsto un contributo per un solo familiare ed i cittadini di paesi terzi devono essere residenti in un paese europeo da almeno 5 anni.

Possono partecipare cittadini di paesi terzi?
Sì se in possesso di permesso di soggiorno UE di lunga durata e residenti in uno dei paesi UE, Norvegia ed Islanda.

Quali tipologie di impieghi offre EURES? 

Le offerte di lavoro disponibili nella sezione trova un lavoro di EURES coprono un’ampia gamma di professioni e comprendono lavori stagionali e permanenti. 

Ciascun annuncio contiene informazioni sulle modalità di candidatura e sulle persone di contatto a cui rivolgersi. Il punto di contatto può essere o un consulente EURES, che si occuperà del trattamento della candidatura, oppure, in altri casi, ci si può rivolgere direttamente al datore di lavoro. 

I posti di lavoro vacanti pubblicati sul portale Eures provengono dai membri e partner Eures e in particolare dai servizi pubblici europei per l’occupazione. Tali organismi si servono di EURES per inserire annunci di posti vacanti per i quali il datore di lavoro è particolarmente interessato ad assumere lavoratori di altri Paesi europei. Questi “posti EURES” sono contrassegnati da una bandierina blu che indica il particolare interesse del datore di lavoro ad assumere lavoratori di altri Paesi europei. 

Al fine di migliorare la trasparenza del mercato del lavoro in Europa, il sito Eures accoglie gradualmente, con poche eccezioni, tutti i posti pubblicati dai servizi pubblici per l’impiego. Questi posti non hanno la bandierina blu e non sono “posti EURES”. 

Quanto devono durare i contratti di lavoro ed i Tirocini?

Il contratto di lavoro o apprendistato deve avere una durata minima di 6 mesi e i tirocini di 3 mesi.

Come posso cercare opportunità di lavoro? 

Vai alla voce trovo un lavoro e inizia la tua ricerca:  puoi, ad esempio, scegliere un paese, una regione, una professione, un tipo di contratto o combinare vari criteri per trovare opportunità di impiego.  

La banca dati EURES Job-search è aggiornata quotidianamente dai servizi europei per l’impiego e gli avvisi di posti vacanti restano pubblicati finché sono validi.

Dove posso trovare offerte di lavoro in Europa oltre che sul portale Eures?

Puoi trovare una selezione di offerte di lavoro in Europa sul sito Anpal:

https://www.anpal.gov.it/news-eures

Come posso manifestare interesse per un determinato impiego? Posso contattare direttamente i datori di lavoro? 

Ciascun avviso contiene informazioni su come e a chi presentare una domanda. La persona di contatto può essere un consigliere EURES che esamina la domanda o, in alcuni casi, si può contattare direttamente il datore di lavoro.

Dove posso consultare i posti di lavoro presso le istituzioni europee? 

I posti di lavoro nelle istituzioni europee sono pubblicati sul sito Web dell'Ufficio europeo per la selezione del personale (EPSO): http://epso.europa.eu 

Sono un cittadino extra-UE: posso usare EURES per trovare lavoro? 

I servizi on-line proposti da EURES sono disponibili gratuitamente a tutti gli utenti che hanno accesso a Internet. Tuttavia, i consulenti EURES fanno parte di una rete che assiste i cittadini dei 27 Stati membri dell’Unione europea nonché della Norvegia, dell’Islanda, del Liechtenstein, della Svizzera e del Regno Unito. Se sei interessato a vivere e lavorare nello Spazio economico europeo (SEE) o in Svizzera, puoi contattare l’ambasciata e/o il servizio pubblico per l’impiego del paese in cui vuoi trasferirti. Spesso il ministero degli Esteri del tuo stesso paese può indicare fonti utili di informazioni e i relativi link. Tali centri ti forniranno le informazioni necessarie sui requisiti di legge che un cittadino del tuo paese deve osservare per lavorare in Europa (anche in merito al permesso di lavoro ecc.). Trovare un posto di lavoro tramite EURES non cambia nulla in termini di obblighi giuridici e procedure amministrative eventualmente applicabili ai cittadini extra-UE. 

Puoi consultare anche https://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=470&langId=it 

Posso trasferire l'indennità di disoccupazione se mi trasferisco in un altro Stato dello SEE senza avere ricevuto una proposta di lavoro? 

Sì, se sei disoccupato e percettore di sussidio e hai intenzione di trasferirti e/o cercare lavoro in un altro Stato dello SEE, puoi trasferire la tua indennità di disoccupazione per 3 mesi con la normativa comunitaria, che consente la proroga del termine fino a sei mesi. Esistono tuttavia regole e condizioni precise per il trasferimento delle indennità e bisogna pertanto contattare il Servizio per l’Impiego locale o l’Agenzia che si occupa della concessione delle indennità, i quali ti rilasceranno il modello SED PAPER U002 completo delle informazioni necessarie, che dovrai presentare, entro 7 giorni, al momento dell'iscrizione come disoccupato presso i rispettivi servizi nel paese in cui ti recherai. 

Consulta anche questa questa pagina del sito Inps

Come posso trasferirmi in un altro paese per lavorare? 

Ogni cittadino dell’UE ha il diritto di lavorare e risiedere in un altro Stato membro senza subire discriminazioni per la sua nazionalità. La libera circolazione delle persone è una delle libertà fondamentali garantite dal Trattato sull’Unione europea (articoli 3, 39, 40) e dalla normativa comunitaria. 

Le norme comunitarie sulla libera circolazione dei lavoratori sono valide anche per gli Stati che fanno parte dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia). La Svizzera ha un accordo bilaterale con l’UE sulla libera circolazione delle persone. 

Puoi consultare https://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=it&catId=25 

Quali aspetti pratici vanno presi in considerazione prima di cercare un lavoro all'estero? 

Vivere e lavorare in un altro paese europeo può presentare alcune difficoltà, come la necessità di adattarsi ad una nuova cultura, di lavorare parlando una lingua straniera e di familiarizzare con sistemi fiscali e di previdenza sociale sconosciuti. Per prepararsi nel modo migliore occorre essere ben informati sul paese scelto. Anche le qualità personali e la determinazione, come, naturalmente, le qualifiche professionali e la conoscenza di lingue straniere, sono fattori di importanza decisiva nella ricerca di un lavoro. 

Prima di iniziare la ricerca di lavoro è importante rendersi conto che non è necessariamente più facile trovare un impiego all’estero che nel proprio paese (in Europa il tasso di disoccupazione globale è ancora alto). Tuttavia, alcuni settori del mercato del lavoro europeo possono offrire notevoli opportunità, come il settore turistico e quello dei servizi (servizi finanziari, consulenze di gestione, settore edile, settore IT e alcuni segmenti del settore sanitario) nonché il lavoro stagionale nell’agricoltura. Va anche ricordato che esistono notevoli differenze di opportunità di lavoro fra le regioni dello Spazio economico europeo e che la situazione può cambiare molto rapidamente.  

Dove posso trovare informazioni sulle condizioni di vita dello stato in cui vorretrasferirmi? 

Vai sulla sezione Condizioni di vita e di lavoro: qui, selezionando un Paese, trovi indicazioni sulla ricerca di un alloggio o di una scuola, le imposte, il costo della vita, la sanità, la legislazione sociale, la comparabilità delle qualifiche, ecc. 

Come posso muovermi per la ricerca del lavoro?  Come posso iniziare  a cercare? 

Per facilitare la ricerca di un lavoro è bene, prima di partire: 

  • visitare il portale Internet EURES sulla mobilità professionale, dove si trovano offerte di lavoro, informazioni sulle condizioni di vita e di lavoro, informazioni sul mercato del lavoro e link per altre informazioni utili. Vi si potrà inserire anche il proprio CV affinché possano prenderne conoscenza i potenziali datori di lavoro di tutta Europa. 
  • contattare per informazioni di carattere generale il centro per l'impiego del tuo territorio o regionale.
  • contattare un consigliere EURES:  questi può fornire consigli più personalizzati, informandosi sulle offerte di lavoro sul sistema EURES e con i consulenti EURES del paese in cui ci si vuole recare.
  • consultare le offerte di lavoro nei giornali del paese di destinazione (disponibili normalmente nelle maggiori biblioteche): molte riviste specializzate pubblicano offerte di lavoro per particolari settori professionali.
  • contattare il servizio pubblico per l’impiego del paese di destinazione, che dovrebbe essere in grado di fornire informazioni. Si ricorda che i cittadini dello SEE hanno in un altro Stato membro gli stessi diritti dei cittadini di quello Stato. Si può chiedere di parlare a un consigliere EURES incaricato di aiutare i cittadini stranieri.

In quali altri modi posso trovare lavoro? 

Il modo più semplice per ottenere informazioni sulle offerte di lavoro è quello di rivolgersi al Servizio pubblico per l’impiego. 

Tuttavia, può essere utile seguire anche altre vie: 

  • In molti Stati membri esistono agenzie private specializzate nella ricerca di lavori temporanei. È bene informarsi se i servizi offerti sono a pagamento e accertarsi di che tipo sono i contratti di lavoro proposti. 
  • Esistono anche agenzie di collocamento private, ma normalmente si occupano di posti a livello direttivo o di settori particolari come l'informatica o la finanza. 
  • Per gli studenti le fiere del lavoro o i centri di orientamento professionale possono risultare molto importanti nella ricerca di un impiego.
  •  Le candidature spontanee alle aziende stanno diventando sempre più comuni. È necessario disporre di informazioni il più possibile dettagliate sulle ditte, perché il successo può dipendere dalla capacità di dimostrare la propria adeguatezza alla loro struttura e alle loro esigenze. La domanda va presentata sotto forma di lettera, indicando le proprie qualifiche, l’esperienza e le ragioni dell’interesse per la ditta. Molte imprese dispongono inoltre di un sito per le assunzioni, dove a volte è possibile compilare un modulo di domanda elettronico.
  • Nella maggior parte dei paesi è molto importante crearsi una rete di contatti, perché spesso la prima comunicazione di un’offerta di lavoro avviene oralmente.
  •  Un periodo di apprendistato o uno stage professionale in un paese di propria scelta è ideale per conoscere il paese ed offre la possibilità di cercare lavoro sul posto. Molte grandi imprese organizzano stage di questo genere. 

Cosa devo considerare nella ricerca e domanda di lavoro?

E' molto importante ottenere il riconoscimento delle proprie qualifiche nel paese di accoglienza. Per chi dispone di qualifiche professionali specifiche è essenziale sapere se la propria professione è regolamentata. Le professioni regolamentate possono essere esercitate solo da persone aventi determinate qualifiche, ad esempio avvocati, commercialisti, insegnati, ingegneri, personale paramedico, medici, dentisti, veterinari, farmacisti ed architetti. Per alcune di queste professioni esiste un elenco di qualifiche riconosciute ed equivalenti, mentre per altre l’equivalenza è valutata caso per caso, prendendo in considerazione la durata e il contenuto della formazione. Se la professione non è regolamentata, si può iniziare ad esercitarla non appena si trova un lavoro, ma bisogna rispettare tutte le modalità di esercizio della professione del paese d’accoglienza, che possono essere diverse da quelle esistenti nel proprio paese. 

Per info riconoscimento titolo di studio : http://enic-nar ic.net/ 

Quali altri aspetti vanno considerati nel cv? 

Occorre verificare che il proprio curriculum vitae sia chiaro e ben strutturato, adatto all’impiego desiderato. Esso deve anche essere tradotto nella lingua del paese d’accoglienza, insieme alle qualifiche. 

Nella maggior parte degli Stati membri si esige che la materia della laurea o del diploma sia direttamente attinente al lavoro che si intende esercitare, mentre in altri quest'aspetto è meno importante. L’UE ha adottato un modello europeo comune di curriculum vitae, adatto sia a chi dispone di un diploma professionale sia a chi ha un diploma universitario. Tale EUROPASS CV permette di stabilire con precisione, in tutta l’Unione europea, le attitudini e le competenze di un candidato. Il modello di CV è disponibile attualmente nelle 20 lingue dell'UE in EURES CV on line e in 29 lingue in Europass. 

Come posso prepararmi per un colloquio di lavoro? 

Come nel proprio paese d’origine, è necessario prepararsi seriamente a un colloquio di selezione, assicurandosi di avere le informazioni principali sull’azienda e di essere pronti a fare domande su di essa e su aspetti particolari del lavoro. Bisogna dimostrare la padronanza della lingua del paese d’accoglienza ed illustrare come le proprie competenze principali e il proprio profilo corrispondano alle esigenze del datore di lavoro per quel particolare posto. Molte grandi imprese dell’UE si servono di centri di valutazione per vedere come potenziali dipendenti reagirebbero in situazioni reali. 

Quali documenti devo portare al colloquio? 

In genere sono necessari: 

  • varie copie del CV nella lingua pertinente; 
  • una traduzione certificata del proprio diploma, rilasciato in genere dall’istituto d’istruzione o dal ministero competente; 
  • le fotocopie del certificato del titolo di studio, del diploma di laurea e di altre qualifiche; 
  • il passaporto e una carta d’identità valida; 
  • una copia del certificato di nascita; 
  • il modulo E che dà diritto all’assistenza sanitaria (p. es. E111) 
  • alcune foto in formato tessera. 

Cosa è il Portale europeo per i giovani?
Il portale offre ai giovani che vivono, studiano o lavorano in Europa informazioni sulle opportunità e iniziative di cui possono usufruire a livello europeo e nazionale.
Il portale non si rivolge esclusivamente ai giovani, ma anche ad altri soggetti che operano nel campo della gioventù (organizzazioni giovanili, educatori, responsabili politici, ecc.).
Fornisce informazioni ai giovani sulle opportunità in Europa e nel resto del mondo.
Esplora iniziative per imparare, lavorare e fare volontariato
Vai al portale: https://europa.eu/youth/home_it


Cosa posso trovare sul portale europeo per i giovani?
Iniziative dell’Unione Europea per i giovani, possibilità di fare volontariato, tirocini o lavorare all’estero, partecipare ad iniziative ed eventi
Il Corpo europeo di solidarietà è un'iniziativa che offre ai giovani la possibilità di partecipare ad attività di solidarietà all'estero o nel loro paese nell'ambito di progetti che aiutano le comunità.
Scopri di più: https://europa.eu/youth/solidarity_it

Il dialogo dell'UE con i giovani è un meccanismo di dialogo tra i giovani e i responsabili politici nel quadro della strategia dell'UE per la gioventù.
Scopri di più: https://europa.eu/youth/eu-youth-dialogue_it

DiscoverEU è un'iniziativa che offre ai diciottenni la possibilità di viaggiare per l'Europa e scoprire il nostro continente. Ogni anno l'Unione europea assegna un pass ai giovani che sono stati selezionati.
Scopri di più: https://europa.eu/youth/discovereu_it

Dove posso trovare ulteriori suggerimenti e accorgimenti utili al mio percorso professionale? 

Puoi trovare altri suggerimenti e accorgimenti, consigli di esperti e storie personali che sono fonte di motivazione nella sezione "Novità" del portale EURES 

Per ricevere gli aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta elettronica, iscriviti alla newsletter “EURES & You 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/21 07:57:00 GMT+1 ultima modifica 2021-07-26T08:05:08+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina