Seguici su

Centri per l'impiego di Piacenza

Sanità. Opportunità di lavoro in Emilia-Romagna per professionisti formati all'estero

Potranno essere reclutati medici, infermieri e operatori socio-sanitari per strutture pubbliche e private convenzionate

Aprire a personale sanitario che si è formato all’estero, per far fronte alle esigenze straordinarie e urgenti derivanti dalla nuova ondata di contagi e potenziare il piano di vaccinazione anti-Covid.

Con questo obiettivo la Regione Emilia-Romagna ha lanciato a fine marzo una seconda manifestazione d'interesse, dopo quella di aprile 2020, per rafforzare le fila del personale impegnato nell’emergenza, con due novità: oltre a medici e infermieri, potranno essere reclutati anche operatori socio-sanitari; inoltre, qualora ne ravvisino la necessità, potranno  avvalersi dei professionisti anche le strutture sanitarie private o accreditate e quelle socio-sanitarie accreditate con il Servizio sanitario regionale, non più solo quelle pubbliche come avveniva con il bando precedente.

È possibile fare domanda, esclusivamente online, accedendo alla piattaforma regionale.

La ricerca sfrutta un’opportunità normativa particolarmente utile in questo contesto d’emergenza ed è indirizzata a personale in possesso delle abilitazioni, conseguite all’estero, di medico e infermiere nonché dell’attestato professionale di operatore socio-sanitario, che intenda esercitare in via temporanea sul territorio regionale l’attività professionale.

Il bando

Possono presentare domanda i professionisti in possesso delle seguenti qualifiche professionali conseguite all’estero: medico chirurgo, infermiere e operatore socio-sanitario.

Per i medici e gli infermieri i requisiti previsti dalla manifestazione d'interesse sono: laurea, eventuale specializzazione (solo per i medici), abilitazione all'esercizio della professione, certificazione di iscrizione all'Ordine o Albo professionale nel Paese di provenienza.

Per gli operatori socio-sanitari: attestazione della formazione teorica, per almeno 300 ore, attività di tirocinio pratico (per almeno 200 ore) finalizzato all’acquisizione di competenze nell’ambito dei bisogni assistenziali e delle principali alterazioni delle funzioni vitali dei pazienti; in alternativa al tirocinio pratico, l’attestazione di eventuali attività lavorative svolte in strutture sanitarie e sociosanitarie.

Per approfondire

Il bando

La piattaforma regionale dove presentare la domanda

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/05/27 12:04:00 GMT+2 ultima modifica 2021-05-27T12:06:56+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina